Crea sito

   
SIDEBAR
»
S
I
D
E
B
A
R
«
Benvenuti al blog sul piemontese
ago 27th, 2010 by linguapiemontese

candatrifole

 

Cerea, cioè salve, benvenuti al blog sulla lingua piemontese. Da molti anni cerco nella rete tutto ciò che riguarda l’idioma dei miei avi e mi sono convinto dell’esistenza di un possibile spazio ancora non occupato da nessuno. E’ mia intenzione non ripetere ciò che si può già trovare sul web, ma aggiungere contenuti originali. Sono appassionato della mia terra e della mia lingua, il cosiddetto dialetto piemontese o piemontèis, ma al tempo stesso ho deciso di utilizzare l’italiano in queste pagine perché ho notato l’esistenza di una fascia di pubblico interessata alle questioni della nostra parlata, ma che la padroneggiano per nulla o con difficoltà. E’ un grosso peccato escludere queste persone, che tra non molti anni diventeranno la maggioranza, da questi argomenti. Il programma  che ho in mente prevede di censire anzitutto in maniera critica nella sezione Candatrìfole (ovviamente secondo i miei  gusti) ciò che sul web già si può trovare sul piemontese. Il mio cane da tartufi annusa, cerca e trova nella ragnatela mondiale tutti i siti in lingua piemontese o che trattano di essa. Nella sezione Piemontèide pubblico invece il primo poema piemontese del terzo millennio, utilizzando il web, cioè il mezzo principe di questa era. La sezione Etimologie piemontesi è un atto di amore verso alcune delle parole che costituiscono il nostro tesoro linguistico e poiché l’amore è una cosa seria non tratterò questa materia con un approccio enigmistico, ma per quanto possibile scientifico. Nella sezione Linguistica piemontese troveranno spazio argomenti relativi alla storia ed all’attuale condizione della lingua piemontese, come studiata dall’attuale dialettologia piemontese. Arrivederci

Altri miei blog
giu 8th, 2014 by linguapiemontese

Salve,

questo blog sulla lingua piemontese è stato il mio primo e sono molto fiero di averlo creato, penso che sarò sempre emotivamente molto legato a questa mia creatura. Certe imperfezioni o errori nascono proprio dal fatto che esso è nato in modo del tutto amatoriale e senza alcuna competenza da parte mia.

Con il tempo ho deciso di sfruttare le stupende potenzialità di Altervista per sviluppare altre mie passioni con il linguaggio dei blog.

Si tratta di lavori meno completi di quelli che ho realizzato con Lingua piemontese, ma che ritengo possano svilupparsi fino ad un livello comparabile a quello di questo blog.

Vi invito a dare un’occhiata curiosa anche se i campi interessati sono sorprendentemente distanti dalla lingua piemontese.

Anzitutto vi invito a partecipare alla mia spiritualità cattolica con il blog mariamedjugorie ; ho voluto rendere esplicito quello che traspariva già chiaramente dal mio poema Piemontèide dove la tematica religiosa è evidentemente uno dei cardini della narrazione.

Del tutto differente ed apparentemente contrastante è il blog hardrockmetal che tratta di questi due tipi di musica che trovo fantastici per sfogare le proprie tensioni e sognare.

Le cose che ho capito o mi è parso di capire per creare un blog le ho messe a disposizione di tutti nel blog professionalblogger dove tratto di diversi argomenti relativi alla realizzazione e all’ottimizzazione di un sito.

Per entrare con leggerezza in un tempo di crisi nel mondo dell’economia passo in rassegna alcune tecniche per risparmiare ed investire nel blog chiamato provocatoriamente soldisenzalavorare.

Nell’immediato futuro svilupperò invece tre idee in altri settori che mi interessano: un blog sul terzo settore iniziando dal mondo del commercio equo e solidale, un sito di finanza chiamato candele giapponesi e per finire più in linea con ciò che ho già realizzato un sito di linguistica generale.

Ciao Gipo!
dic 12th, 2013 by linguapiemontese

E se ne è andato anche lui! E’ con il cuore veramente commosso che saluto il grande Farassino.

Rompo per una volta la consuetudine sabauda di non raccontare in pubblico i fatti propri perché devo ammettere che questo blog come tutto ciò che vi è dietro non sarebbe mai stato pensabile senza la figura di Gipo.

Ho conosciuto Gipo tramite i suoi dischi, la sua musica e solo molto più tardi tramite il teatro. Ero molto giovane, direi alle elementari, quando imparavo a memoria le sue gag comiche. Sapevo e molti anni dopo so ancora a memoria la predica o la serenata ciocaton-a. Ricordo di averle replicate al microfono su un pullman a Roma ad un autista che mi chiedeva la traduzione. E quante cassette ho consumato a furia di risentire i suoi brani.

“Veuj compreme na cassin-a…” era la ballata preferita che cantavo a mio figlio da piccolo come in un farsesco girotondo.

L’orgoglio. Nulla come Farassino ha nutrito in me l’orgoglio di essere piemontese. Era sentendo lui che ho cominciato ad amare questa lingua in nulla inferiore ad altre. Senza il suo insegnamento non avrei mai dato il giusto valore a questa preziosa reliquia, dono gratuito proveniente dai secoli passati.

L’insegnamento tipico della scuola circa un Piemonte rozzo, arcaico, mai baciato dal Rinascimento e quindi dalla cultura, buono solo per qualche accidente della storia ad unificare l’Italia in cui era destinato a disciogliersi, questo mostro dell’ideologia nazionalista italiana si tramutava in sdegno di fronte alla bellezza della lingua piemontese quando modellata nelle mani di un vero artista.

“L’Italia è Italia, benché il parlar sia indarno. Ma schin-a l’Arno: a-j’é mach d’acqua.”

Molti hanno rifiutato il Farassino politico, presunto traditore della classe operaia, per il suo progetto autonomista, ma anche quella parte ha avuto un ruolo importante in quegli anni di profondi cambiamenti alla fine della cosiddetta prima repubblica. E nonostante la sua evidente disaffezione di fronte al crollo di quegli ideali in volgari ruberie non ha mai ceduto alla tentazione di abiurare. Gli avrebbero fatto ponti d’oro, ma lui non era così. Anche per questo lo rispetto.

” Col negòssi ‘d pen-nòira j’é pi nen e la Dòira a smija’n canal ambotijà.

Con ij sò mercà coatà Pòrta Pila a smija mòrta e mi canto magonà.

Pòrta Pila…”

Oggi la Dora è in lutto, così come dovrebbe esserlo Torino.

Cercheremo di essere degni del tuo insegnamento.

Ciao Gipo!

 

 

 

PIEMONTEIDE CANTO 1 CON TRADUZIONE
giu 2nd, 2013 by linguapiemontese

CANT I – LUN-ES

andoa poeta e lenga a s’ancontro

Ëd tante ’d cole còse i cantërìa

s’a fussa ’l mè mësté,

ma varie àutre ròbe i sautërìa

s’a-i fussa ’n ver Brandé,

se ’n mes a ’s mond ëd gargh ch’a l’é ’l Piemont

n’òm fòrt ëd cheur e ’d ment

a tuti sti codard (as perd ël cont)

a dèissa ’n monument

ëd grassia e ’d poesìa ’d blëssa ràira

ch’a fèissa dësvijé

sa gent ampignichìa, gnanca s-ciàira

ch’a viv mach për bajé,

ch’a va con j’euj coatà, ch’a perd soa stòria,

ch’a-j meuir soa siviltà,

dla lenga a l’han già pì nen memòria,

a-j son-o la passà.

E Chila con bel deuit l’é lì ch’a speta

con tuta soa passiensa

che dòp la longa neuit un neuv poeta

’s n’anvisa ’d soa presensa.

“Ma scotme, l’é ’n darmagi, sola an stra

sugné n’imperator.

A-i va tant, tròp coragi con toa età,

’t ëschin-e ’n neuv amor ?

Son giovo e s’it l’has veuja ’dess i pàiro

a fé toa conossensa.

S’at pias ëd pì la neuja ’l temp ch’i sgàiro

për fé sa penitensa

dë sté ’n ginoj dë dnans a na rupìa

ch’a rij dla mia esistensa

at fasa rasoné ’n sla giusta via

quand ti it ëstaras sensa.”

“Bel cit, mi son nassuva sécoj fà

e i pij con un soris

le toe osservassion an sla mia età.

Ti it chërde che ’nt lë mnis

bin presto ’m campëran, it ses sigur ?

Na fin a j’é për tut,

ma për vojàutri uman j’é mach dë scur,

a l’é ’l destin pì brut.

I seve tùit an corsa vers na ciòca,

un prèive, ’n pugn d’incens

e ’l còrp s-ciass ant la cassia an tèra a dròca

e ’l mond a perd sò sens.

Ma sent, l’é pa la por ëd fé n’asnada

ch’am possa pì darera.

Fastudi ’m dà pitòst la toa parlada

toscan-a, forestera.

’Nco ’d pì monta la flin-a s’i vard euj

ch’a bruso ’nt la passion

e gambe ch’a tërmolo, ’n servel peui…

dl’amor la negassion.

Sbaruvte nen dl’autëssa, fà ch’i vëddo

ël mej dij tò talent.

Dësmentia la citëssa, daje ’n ghëddo,

onora la toa ment.

’T savèisse vàire Dante ’n tuti sti agn

l’han fame ’n pò ’d gatij

për peui perdse ’d coragi sarà an bagn

e mi a spetè coj dij.

A venta che ti it boge, ël doman

l’é fòra dij tò euj,

se quandi it àusse it coge le toe man

l’avran nen temp ancheuj

ëd feme na carëssa. Mi peuss pa:

son fàita mach ëd son.

Ti ’nvece it n’has ’d richëssa : Volontà,

Amor e ’dcò Rason.

Se mi podèissa avèjne mach na stissa

da ’n tòch l’avrìa fàit

quaicòs për salvé ’s mond che già ’s dëstissa,

mach jer ciuciava ’l làit.”

“I son pì gris dij tëbbi ’d Laudissìa,

dj’ignav dël prim giron,

dij mè talent (magara, am piasrìa)

sai gnanca s’a-i na son.

I chërdo che ’l cit nùmer ëd moros

che ’ncora a penso a ti

at daga ’dess gust meno difissios

e sòn a giuta mi.”

“Sautoma ’nsima a l’onda, pijoma ’l vòli,

dëscoata neuv senté!

L’é nen la gent ch’a varda j’arsivòli

a fé ij pì bon afé.”

“Son pront, esploreroma ’nt ël nòst viagi

dozen-e ’d neuv pais

e peui noi conteroma ’l nòst romiagi

a tùit ij nòst amis.”

“Cò ’t ciapa? ’Dess it core? ’Nté ch’it vade?

It taje le toe rèis?

Mi i lasso ch’it dëscore ’d tavanade

ma ti it ses piemontèis.

Mi i resto ’nt la mia tèra, ti va pura

andoa it veule ’ndé.

L’é sì ch’i l’hai mè gent, amor, coltura.

I veuj nen vnite dré.

Për gionta it l’has nen dime ’l tò pensé

sla toa parlada dobia

Ëd fomne a ven mej, peui, s’a-i na j’é

mach un-a ant una cobia.”

“Chërdìo pen-a nà che jë svantagi ’d

parlé nòsta favela

a fusso così gram che sto mariagi ’d

na tòta meno bela

a fussa necessari përchè a scòla

an mes a j’italian

da sùbit i trovèissa meno dròla

ij tèrmin dij toscan.

Peui quand i son stàit lìber già chërsù

i son an-namorame

dla vos dossa e dlicà che ’n gioventù

l’avìo ’n pòch negame.

Mi scoto ij tò consèj ’n sla diression.

I veuj pì nen speté.

Ti chita ’d vorèj sempe spiegassion.

Marcioma, tùit an pé!”

CANTO PRIMO – LUNEDI’

Dove poeta e lingua si incontrano

Di tante di quelle cose canterei

se fosse il mio mestiere,

ma diverse altre cose salterei

se ci fosse un vero Bardo,

se in mezzo a questo mondo di pigri che è il Piemonte

un uomo forte di cuore e di mente

a tutti questi codardi (si perde il conto)

desse un monumento

di grazie e poesia, di bellezza rara

che facesse risvegliare

questa gente che è addormentata, che neanche vede

che vive solo per sbadigliare

che va con gli occhi chiusi, che smarrisce la sua storia,

che muore la sua civiltà

della lingua non hanno già più memoria,

le suonano le campane a morto.

E Lei con bel garbo è lì che aspetta

con tutta la sua pazienza

che dopo la lunga notte un nuovo poeta

si accorga della sua presenza.

“Ma ascoltami, è un peccato, sola in strada

sognare un imperatore.

Ci va tanto, troppo coraggio con la tua età:

respingi un nuovo amore?

Sono giovane e se hai voglia adesso ho tempo

per fare la tua conoscenza.

Se ti piace di più la noia, il tempo che perdo

per fare questa penitenza

di stare in ginocchio davanti a questa rugosa

che ride della mia esistenza

ti faccia ragionare sulla giusta via 

quando tu rimarrai senza.”

“Bel piccolo, sono nata secoli fa

 e prendo con un sorriso

le tue osservazioni sulla mia età.

Tu credi che nell’immondizia

molto presto mi getteranno, sei sicuro?

Una fine c’è per tutto

ma per voi umani c’è solo oscurità

è il destino più brutto.

Siete tutti in corsa verso una campana,

un prete, un pugno di incenso

ed il corpo stretto nella cassa in terra cade

ed il mondo perde il suo senso.

Ma senti, non è la paura di fare una stupidata

che mi spinge indietro,

mi da piuttosto fastidio la tua parlata

toscana, straniera.

Ancor più sale la rabbia se guardo occhi 

che bruciano nella passione

e gambe che tremano, un cervello poi…

dell’amore la negazione.

Non spaventarti dell’altezza,  fa’ che io veda

il meglio del tuo talento,

dimentica la piccolezza, dagli grazia,

onora la tua mente.

Sapessi quanti Dante in tutti questi anni

mi hanno fatto un po’ di solletico

per poi perdersi di coraggio, chiusi in bagno

ed io ad aspettare quelle dita.

Devi muoverti, il domani

è fuori dal tuo sguardo,

se quando ti alzi ti ricorichi, le tue mani

non avranno il tempo oggi

di farmi una carezza. Io non posso:

sono fatta solo di suoni.

Tu invece ne hai di ricchezza: Volontà,

Amore ed anche Ragione.

Se potessi averne solo una goccia 

da un pezzo avrei fatto

qualcosa per salvare questo mondo che già si spegne,

che solo ieri succhiava il latte.”

“Sono più grigio dei tiepidi di Laodicea,

degli ignavi del primo girone,

dei miei talenti, magari, mi piacerebbe,

non so neppure se ve ne sono.

Credo che il piccolo numero di fidanzati 

che ancora pensano a te

ti dia adesso dei gusti meno sofisticati

 e ciò mi aiuta.”

“Saltiamo sopra l’onda, prendiamo il volo,

scopri nuovi sentieri,

non è la gente che guarda il cielo

a fare gli affari migliori.”

“Sono pronto, esploreremo nel nostro viaggio 

decine di nuovi paesi

e poi racconteremmo il nostro pellegrinaggio 

a tutti i nostri amici.”

“Che ti prende? Adesso corri? Dove vai?

Tagli le tue radici?

Io lascio che tu discorra di futilità,

ma tu sei piemontese.

Io resto nella mia terra, tu vai pure

dove vuoi andare.

E’ qui che ho la mia gente, amore, cultura,

non voglio venirti dietro.

In più, non mi hai detto il tuo pensiero 

sulla tua parlata doppia.

Funziona meglio, poi,  se di donne ce n’è

solo una in una coppia.”

“Credevano appena nacqui che gli svantaggi

di parlare la nostra favella

fossero così cattivi che questo matrimonio

con una ragazza meno bella

fosse necessario perché a scuola 

in mezzo agli italiani

da subito trovassi meno strani

i termini dei toscani.

Poi quando sono rimasto libero, già cresciuto

mi sono innamorato

della voce dolce e delicata che in gioventù

mi avevano un po’ negato.

Ascolto i tuoi consigli sulla direzione.

Non voglio più aspettare.

Tu smetti di volere sempre spiegazioni.

Marciamo, tutti in piedi !

Indicatori di vitalità linguistica del piemontese
feb 17th, 2012 by linguapiemontese

Sul sito del SIL international, una delle più importanti organizzazioni per la difesa delle lingue in pericolo, ho trovato un interessante articolo relativo agli indicatori di vitalità di una lingua.
Queste otto spie sono state testate sulle lingue della Papua Nuova Guinea, uno dei paradisi dei linguisti con moltissimi idiomi in un fazzoletto di terra. Con qualche adattamento essi sono però adattabili anche alla situazione occidentale. Ho voluto quindi valutare la situazione del piemontese in base a questi indicatori.
1) Il primo è la posizione rispetto ai centri urbani della parlata in esame. In particolare aree rurali isolate e ben lontane dalle città tendono a favorire il mantenimento di una parlata, mentre le situazioni urbane privilegiano delle lingue franche che possono essere capite da tutti i gruppi etnici che sulla città convergono.
In Piemonte ovviamente le grandi città vedono scomparire più precocemente la lingua madre in favore dell’italiano, ma anche la situazione nelle campagne è grave.
2) Il secondo indicatore è il numero delle diverse sfere della vita sociale in cui la lingua è utilizzata.
Ufficialmente vietato nelle sedi assembleari elettive, a meno di essere corredato da traduzione, il piemontese non è di fatto utilizzato negli uffici pubblici, nelle aziende (tranne piccole imprese soprattutto agricole o artigianali), nei mass media, nella scuola, nelle celebrazioni religiose ecc.
I campi sociali in cui è utilizzato si limitano alla famiglia, a rapporti amicali e in forma limitata a teatro e musica. Sono sviluppati l’editoria e vi sono alcune presenze sul web, l’unico campo innovativo.
3) Frequenza e tipo del cambiamento di codice: quando due diverse lingue interferiscono tra loro presso lo stesso parlante.
Partendo dalla realtà di una comunità omogenea parlante piemontese nei decenni l’italiano si è infiltrato sempre di più, a livello di vocaboli (passaggio da stissa d’eva a gocia d’acqua), di sintassi (costruzioni italianeggianti, modi di dire) per passare poi a diventare l’italiano la lingua base, su cui soprattutto per ragioni di enfasi si innesta qualche vocabolo piemontese (come la scritta Gautedasuta che campeggia sui SUV)
4) Lingua di adozione degli immigrati nell’area esaminata: estremamente semplice da verificare. In Piemonte l’ultima ondata migratoria che ha adottato in massa la lingua regionale è stata quella veneta, soprattutto dopo l’alluvione del Polesine. La successiva emigrazione dal sud non ha invece portato all’adozione del “dialetto” locale in misura significativa.
5) La presenza di strutture di relazioni dense tra individui porta a rafforzare il linguaggio utilizzato: per struttura densa si intende una relazione tra due persone dovuta a più di un fattore: ad esempio A e B sono fratelli, ma sono anche soci della stessa cooperativa e fanno parte dello stesso fan club di calcio e vanno nello stesso bar ecc. Tutto ciò nel caso del piemontese vorrebbe dire portare la lingua utilizzata in molteplici contesti sociali influenzando i comportamenti altrui. Ognuno può verificare nel proprio contesto quanto siano dense le proprie relazioni e quindi quanto siano “linguisticamente missonari” i propri comportamenti.
6) Una forte identità etnica, un orgoglio di gruppo anche riconosciuto all’esterno aiuta a salvaguardare il proprio linguaggio. In Piemonte viviamo il paradosso di un’identità “buona” in quanto unificatori della nazione italiana, quindi portatori d’acqua per un ideale più grande che di fatto stritola l’identità della patria piccola. L’adesione dei Savoia agli ideali risorgimentali, il patrocinio dell’unità nazionale hanno dato un colpo fierissimo alla coscienza piemontese.
7) Il prestigio della lingua in sé è ovviamente un fattore protettivo. Qui siamo agli antipodi della cultura anni ’70 per cui era disdicevole insegnare ai propri figli il “dialetto”: si tratta di uno dei punti in cui la nostra lingua è messa peggio. Ne tratto come un leitmotiv nel mio poema Piemontèide: il piemontese è circondato da idiomi che hanno sempre gettato un’ombra di discredito su di esso: inferiore al latino, al provenzale, al francese ed infine all’italiano.
8 ) L’interesse economico-sociale ad adottare una nuova lingua è chiaramente esiziale per la parlata precedente: stiamo vedendo le forti pressioni in tal senso per imporre l’inglese (non puoi non saperlo, all’estero cosa parli, è nei curricula scolastici, non vuoi essere tagliato fuori, è il nuovo che avanza…), analogamente è successo per l’italiano.
Agli otto punti sopra descritti ne aggiungerei altri due più rilevanti nel contesto occidentale:
9) I mass media, cioè i nostri compagni di viaggio occulti, che impongono unidirezionalmente il proprio linguaggio elitario e su questo ci sarebbe da riservare un articolo apposito.
10) La mancanza di rappresentanza politica adeguate delle istanze locali: senza raggiungere la parità di trattamento del francese in Valle d’Aosta o lo statuto legale di lingua minoritaria degli occitani nelle valli di Torino e Cuneo, è indubitabile che l’unico movimento autonomista con un seguito rilevabile politicamente ( diciamo oltre il 5 %), cioè la Lega Nord, ha sempre puntato su rivendicazioni economiche (Roma ladrona) o etniche (Stop all’immigrazione) piuttosto che linguistiche anche perché una lingua padanese, a prescindere da molte fantasie in tal senso, non esiste.

Museo della lingua e della cultura piemontese
feb 15th, 2012 by linguapiemontese

Si trova ovviamente a Torino in zona centrale. Progettato secondo gli ultimi sviluppi della museologia, con postazioni interattive e spazi dedicati ai bimbi e alla didattica. E’ fruibile da tutti anche con la tessera dei musei.
Inserito in un antico palazzo nobiliare nel cui cortile interno è presente una struttura avveniristica a forma di gianduiotto. I turisti e gli studiosi sono accompagnati dai volontari “Amis dla lenga piemontèisa”. Le collaborazioni con istituzioni ed atenei internazionali stanno rendendo celebre questo museo….

Questo articolo è di pura fantacronaca in quanto la lingua piemontese non è neppure riconosciuta come idioma dalla normativa nazionale e non le è dedicato alcun museo.
La presentazione ufficiale di un’iniziativa simile è invece effettivamente avvenute sul giornale degli abbonati della Tessera dei Musei: si tratta di Son de lenga, dedicato alla lingua occitana presso l’espaci occitan di Dronero.
Senza alcuno spirito di rivalità con gli occitani, non potremmo noi piemontesi organizzare qualcosa del genere?
O con la mancata televisione in lingua piemontese questo resterà uno dei sogni che non riusciremo mai a realizzare?

21 febbraio: Giornata internazionale della lingua madre
feb 13th, 2012 by linguapiemontese

Il 21 febbraio del 1952 alcuni studenti bengalesi furono uccisi dalla polizia pakistana poiché stavano dimostrando a favore del diritto ad utilizzare la propria lingua, diversa da quella ufficiale dello Stato.
In ricordo di questa strage il 21 febbraio di ogni anno dal 2000 l’Unesco celebra la Giornata internazionale della lingua madre. Essa vuole promuovere la diversità culturale e il multilinguismo.
Come molte azioni dell’ONU e dei suoi diversi “bracci” alle parole non seguono sempre i fatti e molte intenzioni rimangono sterili. Ciò non è naturalmente una buona ragione per non apprezzare un’iniziativa lodevole.
Qui si entra in un settore minato: che cosa è una lingua madre? Naturalmente quella o quelle dei propri antenati, nel mio caso il piemontese nella sua variante delle colline del Po, che ho già descritto nell’articolo sul dialetto di San Raffaele Cimena.
Il tema della giornata del 2012 è l’istruzione in lingua madre, si tratta quindi di un argomento caldissimo nella nostra regione visti i tagli agli insegnamenti in lingua piemontese (consultate il sito di Gioventura Piemontèisa per i dettagli sulla questione).
Secondo l’Atlante tenuto dall’Unesco stessa il piemontese sarebbe in pericolo, ma parlato da 2000000 di persone. La cifra sembra strana anche a loro, “inflated” cioè gonfiata. Non sto a commentare perché il buon senso è sufficiente.
Vorrei aggiungere una considerazione/provocazione: se ci colorassimo la pelle in modo diverso e indossassimo qualche gonnellino tribale potremmo avere a nostra disposizione qualche associazione per la difesa dei popoli indigeni tipo Survival o l’interesse di qualche fondazione filantropica statunitense: noi siamo un popolo ed anche indigeno, quindi non capisco perché appassionarsi solo a ciò che capita ad altre latitudini. Un genocidio culturale resta tale anche senza violenza e per apatia sociale.

Buon compleanno Blog
ago 27th, 2011 by linguapiemontese

primo compleanno
E' passato un anno dal primo articolo su questo blog.
Il progetto si è sviluppato, anche se con la limitata disponibilità di tempo di chi scrive, lavoratore a tempo pieno in tutt'altro ramo e felice padre di due bimbi piccoli.
E' stato un anno di luci ed ombre, ma per natura tendo a sottolineare le prime.
Gli articoli sono stati circa due al mese ed hanno coperto tutti gli argomenti previsti.
Il numero di siti sull'argomento lingua piemontese o scritti utilizzandola è cambiato assai poco in questo anno e molti siti sono fermi esattamente al punto di un anno fa. Questo segnale di immobilismo non è affatto positivo, ma io credo che questo possa essere un bell'invito a fare di più per coloro che ci credono.
Complimenti ai pochissimi attivi su questo fronte, miei ideali compagni di viaggio.
E' stato l'anno del 150esimo dell'unità nazionale, con tutti i rischi a questo connessi per i difensori delle "piccole patrie", ma, passata la sbornia identitaria, supportata da tutti i mass media senza eccezioni, noi ci saremo.
In questo contesto ho deciso di pubblicare sul web il mio poema Piemonteide come personale controcanto alle celebrazioni unitariste.
Di eccezionale valore mi è sembrata la raccolta di più di 10000 firme effettuata da Gioventura Piemontèisa per il riconoscimento della dignità di lingua al piemontese, questione ovvia per qualunque linguista, ma non per certi politici.
E' stato anche per me un anno ricco di letture, intese come siti, articoli e libri. Di alcuni che mi sono parsi significativi ho lasciato traccia nelle pagine del blog.
In ogni caso è triste notare che il piemontese semplicemente non faccia mai notizia, non sia mai di attualità.
Ho parlato sia delle origini del piemontese, sia delle origini di alcune parole, alcune forse donateci da popoli insospettabili.

Che cosa ci riserva il futuro? Anzitutto il blog proseguirà perché comunque è il frutto di una passione che non tende ad esaurirsi.
Ringrazio tutti i miei lettori e i viandanti che sono transitati velocemente su questo sito.
Un grazie a coloro che mi hanno linkato, a chi mi ha scritto via mail dandomi dei buoni riscontri.
Un grazie a Gianni Davico che mi ha inserito tra i blog degni da leggere nel suo articolo sulla blogosfera piemontese, a Livio Tonso che mi ha segnalato su www.canavesano.org, a Michela Grosso per l'interesse mostrato per il mio poema per conto di una importante casa editrice, a Berto'd Sera che molti anni fa mi aveva spinto a pubblicare il mio poema, a Gioann Pòlli per il suo interessamento.
Spero di non offendere chi non è stato incluso.
A tutti i miei lettori dico: GENEVE NEN, ANCALEVE PURA'D COMENTE'!
Non vi imbarazzate osate tranquillamente commentare!

Archeologia e politica
ago 20th, 2011 by linguapiemontese

Ho notato con piacere che il numero di luglio della rivista Archeo ha come argomento principale la Padania Romana. La questione è trattata dal professore Romolo (il che è tutto dire…) Staccioli.
Il distillato di queste pagine intitolate L’invenzione della Padania può essere riassunto nei seguenti punti:
1 Furono i Romani ad associare per un secolo circa in un unico raggruppamento amministrativo le terre di Liguri, Celti e Veneti, popolazioni distinte e normalmente nemiche.
2 Queste terre dopo un secolo vissuto come provincia della Gallia Cisalpina divennero parte dell’Italia.
3 La fondazione di molte colonie latine e romane in tali territori influenzarono pesantemente l’evoluzione successiva.
4 Le classi indigene più elevate tesero a romanizzarsi in cambio di favori economici e politici.
Fino a questo punto nulla da dire anche se l’importanza delle colonie romane e latine probabilmente viene spesso esagerata.
La cornice in cui queste vicende vengono inserite è invece tesa a dimostrare l’assurdità delle attuali rivendicazioni padaniste, esaltando alcuni fatti e sminuendone altri. In particolare viene magnificata l’alleanza tra Veneti e Romani con sottile ironia, visto l’attuale sentimento di quella regione.
Altrettanto perfidamente viene ricordato che l’unica guerra di secessione nella penisola fu combattuta dagli italici centromeridionali contro Roma e i Cisalpini non vi parteciparono se non come alleati di Roma.
Tra le righe, depurando ogni furore unitario da 150esimo anniversario dell’Italia moderna, si può comunque trarre un quadro ben differente: molte grandi tribù celtiche combatterono contro Roma e, sconfitte, cercarono di sollevarsi con l’appoggio di Annibale. La riconquista dopo la seconda guerra punica fu ancora più dura. Non si ricorda nell’articolo la deportazione di 36000 Salassi (valdostani e canavesani) come schiavi.
Di sfuggita è trattata anche la secolare lotta per rimanere indipendenti dei Ligures (cioè anche dei monferrini e langaroli).
Vi si commisero tali efferatezze da scandalizzare persino il Senato romano. Il rapporto tra Roma e popoli padani fu in altri casi ambivalente come quelle del re di Susa che di fatto divenne vassallo. Di questi avvenimenti tratto nei canti dall’ottavo all’undicesimo del mio poema Piemonteide in cui cerco di fare prevalere una visione meno romanofila e di mostrare tutte le opinioni presenti all’epoca.
Uno dei personaggi ben evidenziati nell’articolo è il capo dei popolari Caio Flaminio che nelle terre padane vedeva solo campi da distribuire ai suoi partigiani politici e schiavi per Roma. Questo ad indicare quale sentimento “patriottico” da “Italia unita” aleggiasse nelle teste dei colonizzatori.
Infine per quanto riguarda il fatto che la prima unione di culture in Padania fosse rappresentata dalla Gallia Cisalpina ho in preparazione un altro articolo che mostra come nella preistoria diverse culture avessero già unificato tale territorio.
Tutte queste osservazioni lasciano impregiudicate le opinioni che chiunque può avere relative all’attuale fase politica, ma da una rivista blasonata come Archeo ci si aspetterebbe un maggiore coraggio nella presentazione di tutti i fatti storici.

Suoni e colori
ago 5th, 2011 by linguapiemontese

SUONI E COLORI PRIMARI
Fin dalla scuola elementare abbiamo conosciuto lo schema dei colori primari (giallo, rosso e blu) che combinati insieme creano i colori secondari (giallo e rosso danno arancione, blu e rosso danno viola, blu e giallo danno verde). L’insieme dei colori crea un non colore nero.
Tale schema con poche modifiche può essere usato per dare una evidenza visiva ai rapporti tra i suoni del sistema vocalico piemontese.
Proviamo infatti a sostituire una vocale ad ogni colore base, ad esempio poniamo A=rosso, I=giallo e U=blu. Mescolando tali colori si ottiene un colore intermedio per ogni coppia. Parallelamente per ogni coppia di suoni se ne può individuare un altro con caratteristiche intermedie: E=arancione, O=viola, U francese=verde. Anche per il nero centrale si può trovare una corrispondenza con l’EU francese.
Così come i colori non si esauriscono con quelli primari e secondari (rosa, marrone ecc.) così altri suoni vocalici sono possibili: abbiamo due E (cioè due arancioni diversi) e il suono indistinto segnato con la E con dieresi.
Questo schema è solo un gioco senza utilità o cela altro?
A, I, U sono dal punto di vista articolatorio i suoni pronunciati nei tre posti più distanti e quindi perfettamente distinguibili: sono considerabili suoni primari per analogia con i colori. Esistono molte lingue come l’arabo basate sostanzialmente solo su questi tre suoni ed è stata formulata l’ipotesi che anche l’indoeuropeo fosse basato su tale tripletta.
Di certo sono suoni “resistenti”: in molte lingue vi è la tendenza ad avere molti suoni in vocale tonica, cioè accentata, ma non in vocale non tonica. Quando ciò succede i suoni resistenti sono spesso quelli primari (A,I,U).
In piemontese ci sono molti fenomeni di questo tipo: anzitutto i suoni O ed EU francese sono solo tonici e in posizione non tonica degradano ad U o U francese.
Ad esempio: A lòsna (= lampeggia, con O italiana), ma A losnava (= lampeggiava, con U italiana)
Altro caso: Fieul (= figlio con EU francese), ma Fiulin (= ragazzino, con U francese).
Anche Le E e le U francesi (vocali secondarie seguendo lo schema dei colori) tendono ad essere sostituite in posizione atona, benché questo fenomeno sia molto meno regolare.
La U francese tende ad essere rimpiazzata da I in contesto non accentato.
La E tende ad essere solo tonica, trasformandosi piuttosto in E con dieresi con l’eccezione delle desinenze verbali e dei plurali femminili. Molto significativo è il fatto che in entrambe le posizioni le E si trasformino in I in certe zone monferrine fin quasi alle porte di Torino.
Esistono anche altre tracce di trasformazione di E in I in posizione atona: ad esempio il diminutivo di Ceco (Francesco) è Cichin e non Cechin.
Per quanto riguarda la particolare situazione della E con dieresi (anche essa molto resistente e che allunga addirittura la durata della consonante successiva) parlerò in un articolo dedicato.

Pasolini e la morte del dialetto
lug 30th, 2011 by linguapiemontese

Ho avuto un unico incontro, ma per me molto significativo, con il pensiero di Pasolini: risale alle scuole medie quando sull’Antologia di italiano avevo trovato una sua splendida poesia in friulano. Al giorno d’oggi basta digitarne in internet l’incipit “Co la sera a si piert” per trovarne decine di versioni, ma all’epoca (anni ’80) la decisione di includere testi dialettali in un testo scolastico era piuttosto ardita. Ovviamente quella pagina era stata tranquillamente saltata dalla mia insegnante.
Molti anni dopo ho acquistato la raccolta di testi pasoliniani “Scritti corsari” e ne ho trovato profonde consonanze.
Cito liberamente alcuni brani con commenti che attualizzano a quasi quaranta anni di distanza questi testi.
“E in tutto il mondo povero intorno a me, il dialetto pareva destinato a non estinguersi che non in epoche così lontane da parere astratte.”
“Fra le altre tragedie che abbiamo vissuto…in questi ultimi anni, c’è stata anche la tragedia della perdita del dialetto, come uno dei momenti più dolorosi della perdita della realtà (che in Italia è stata sempre particolare, eccentrica, concreta: mai centralistica; mai del potere)”
“Simbolo di questa deviazione brutale e niente affatto rivoluzionaria della propria tradizione culturale è l’annichilimento e l’umiliazione del dialetto che pur restando intatto – statisticamente parlato dallo stesso numero di persone – non è più un modo di essere ed un valore.”
“Nessun centralismo fascista è riuscito a fare ciò che ha fatto il centralismo della civiltà dei consumi”
“Per mezzo della televisione, il Centro ha assimilato a sé l’intero paese, che era così storicamente differenziato e ricco di culture originali.”
Il pensiero pasoliniano in sintesi è il seguente:
sociologicamente l’Italia pre miracolo economico era un aggregato di gruppi sociali mutuamente distinti e non intenzionati a mescolarsi.
Il dialetto era il codice del singolo gruppo sociale e la vitalità del gruppo si rifletteva nella vitalità del dialetto.
La civiltà dei consumi ha imposto un modello umano universale di consumatore che per ragioni economiche deve essere il più possibile omogeneo o omologato.
La lingua della televisione si impone come modello unico nazionale ed il dialetto viene rifiutato come arretrato.
In sintesi lo scioglimento dei diversi gruppi sociali (con il proprio dialetto codice o bandiera vitale ed innovativo) in una enorme aspirante classe media omogenea ed omologata (con un italiano malamente imparato dai mezzi di comunicazione di massa, in primis radio e televisione) è la causa della dissoluzione per vergogna o abiura dei dialetti.
Quando Pasolini scrisse di questo io non ero ancora nato ed il panorama attuale è ben diverso, ma storicamente riconosco che la visione fosse corretta.
Qual è lo stato dell’arte?
Intanto le vecchie classi di età tutte sostanzialmente dialettofone almeno in Piemonte hanno procreato una generazione (la mia, classe ’75) tutta sostanzialmente italianofona. Non vi è alcuna possibile sopravvivenza di una lingua che non viene più trasmessa. Non siamo più di fronte alla semplice perdita di vitalità del dialetto, ma alla sua scomparsa statistica (basta attendere).
La classe media o aspirante tale si è in realtà divisa in base ai propri interessi formando nuovi gruppi sociali. Fondamentale in ciò è la tecnologia di internet che permette l’organizzazione di nicchie (sostanzialmente gruppi sociali connessi tramite web). Anche gli amanti del dialetto (come voi lettori di questo blog) sono più “gruppo” tramite questa tecnologia e trovo significativo che ogni esperienza di massa relativa al piemontese sia fallita (no televisione, no giornali) mentre video e blog piemontesisti a modo loro (cioè con costo=ricavo=0) prosperino.
Da ciò deriva che l’assunto di base di Pasolini (il dialetto riflette una forma di realtà popolare ed è per natura inadatto ad esprimere valori intellettualmente astratti, benché questi vengano negativamente valutati come sovrastrutture della società dei consumi), coincidente in questo con il pensiero di Umberto Eco sul piemontese(con opposta valutazione dei concetti più intellettuali) non è più valido perché chi oggi sceglie il dialetto lo fa con un atto libero (anzi anticonformistico) e quindi sceglie di riversare i contenuti che meglio crede nel contenitore linguistico deliberatamente scelto.
Non sussiste più la relazione biunivoca tra dialetto e cultura popolare.
La Wikipedia in piemontese non è lo sforzo inutile di qualche fanatico, ma un prodotto intrinsecamente illuminista (sempre di enciclopedia e quindi di sapere elevato e para-ufficiale si tratta), di una neo elite attualmente perdente dal punto di vista della storia politica.
Parallelamente altri fenomeni sociali hanno fatto cadere la censura sul dialetto come retaggio di ignoranza e povertà. Dall’azione politica pluridecennale della Lega (che significativamente ha cercato di collegare istanze etniche ed economiche, ecco nuovamente la classe sociale pasoliniana ) a quella economico culturale dei movimenti di Carlin Petrini (si veda l’ideologia di Terra Madre), tutto sembra spianare la strada al particolarismo.

SIDEBAR
»
S
I
D
E
B
A
R
«
»  Substance:WordPress   »  Style:Ahren Ahimsa